Wondernet Magazine
Pets

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori per i più piccoli?

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori
Dal pelo lungo o corto poco importa. I gatti sono animali bellissimi e, in alcuni casi, perfetti per stare in famiglia, a contatto con i più piccoli. Per aiutarli a crescere in modo sereno, rispettoso e giocoso.

Chi ha figli e possiede un animale domestico, gatti o cani per lo più, dovrebbe saperlo bene. Il binomio animali/bambini è assolutamente vincente.

Con loro, infatti, i bambini imparano moltissime cose. In primis a socializzare e a relazionarsi con qualcuno di diverso dai genitori. Ma non solo. Il doversi prendere cura di loro li aiuta a responsabilizzarsi, a essere più gentili, rispettosi e attenti. Oltre a garantirgli giochi e divertimento in modo sano e pieno di affetto.
Ovviamente prestando sempre la giusta attenzione.

Vediamo, quindi, quali sono le razze più adatte per accompagnare i più piccoli durante la loro crescita, in totale sicurezza e armonia.

Gatti e bambini, le razze migliori

Come visto, i benefici legati all’avere gatti in casa quando ci sono dei bambini sono davvero molti. Soprattutto a livello educativo e comportamentale. Occorre dire, però, che esistono razze più adattate di altre e questo è dovuto all’indole del gatto stesso, alle sue peculiarità caratteriali e alla predisposizione dell’animale al contatto con i più piccoli.

Ecco, quindi, quali sono i gatti più socievoli per giocare e crescere con i bambini.

Gatti siamesi

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

Eleganti, affettuosi e fedeli (alla pari di un cane) i gatti siamesi hanno la grande dote della pazienza. Importantissima quando intorno ci sono dei bambini, oltre a essere molto vivaci e ottimi compagni di gioco.

Gatti Persiani

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

Questo gatto si caratterizza per la grande calma, tranquillità e adattabilità. Anche chiamato “tigre del divano” la sua indole paziente e docile lo rende l’ideale per vivere con i più piccoli.

Main Coon

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

Peculiarità del Main Coon è sicuramente la stazza. Una razza di gatto gigante (e anche forte) ma estremamente affettuosa. I Main Coon amano l’acqua e questo li rende ancora più adatti a crescere in una famiglia con bambini.

Gatto Sacro di Birmania

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

Un animale dall’eleganza innata. Si caratterizza per la sua indole vivace, giocherellona e intelligente. Ama la compagnia ed è particolarmente adatto come compagno di avventure e di coccole.

Ragdoll

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

La sua caratteristica principale è senza dubbio la gentilezza e la resistenza al dolore, tanto da non reagire nemmeno quando sono stufi di ricevere attenzioni. In questo caso sarete voi a dover stare attenti a non esagerare.

Gatto Himalayano

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

Il gatto Himalayano arriva da un incrocio tra il gatto siamese e quello persiano, prendendone le diverse caratteristiche. È un animale molto giocherellone che ama le coccole, cantare con delicati miagolii e che risulta particolarmente adatto a stare con i bambini.

British Shorthair

Gatti e bambini: quali sono le razze migliori

Un gattino dal pelo corto, molto affettuoso, amichevole e docile. Ama stare con le persone, a cui si lega in modo molto intimo e profondo, le attenzioni e le coccole. Perfetti per stare a contatto con i più piccoli.

Tenendo sempre presente che i gatti non sono giocattoli o passatempi. Hanno bisogno di cure, rispetto e attenzione. E questo è un aspetto fondamentale da insegnare ai propri bambini per permettergli di vivere con i gatti in modo educativo, armonioso e felice. Godendo della loro simpatica compagnia durante le fasi della loro crescita.

Articoli correlati

I guariti dal Coronavirus riabbracciano i loro animali: il video della Lega Animali

Giusy Dente

Da Matilda Ferragni al barboncino di Orlando Bloom: gli animali delle star

Valentina Turci

Crescere con un animale domestico fa bene alla salute e all’equilibrio psicofisico dei bambini

Michelle Scalzo

Lascia un commento