Wondernet Magazine
SOLIDARIETÀ

UNIQLO dona 100.000€ del ricavato delle vendite online dei prodotti baby a UNHCR

UNIQLO ha annunciato che per celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato che si celebra oggi, 20 giugno, donerà una percentuale delle vendite degli articoli per neonato dello store online uniqlo.it all’UNHCR.

UNIQLO, retailer giapponese di abbigliamento con una presenza mondiale è da anni al fianco dell’Agenzia ONU per i Rifugiati. Con questa nuova iniziativa che sarà condotta a livello globale e in tutta Europa, UNIQLO vuole aiutare i bambini rifugiati, particolarmente vulnerabili all’epidemia Covid-19. 

Sarà devoluto un totale di circa 100 000 €, dalla vendita di articoli per neonato durante il periodo dal 19 al 26 giugno. Questi fondi verranno utilizzati per fornire aiuto nella lotta contro il Covid-19 tra i bambini e le famiglie di rifugiati.

La donazione di UNIQLO aiuterà l’UNHCR a rispondere al coronavirus con azioni salvavita. Sarà possibile fornire  acqua potabile, cure mediche, articoli per l’igiene e informazioni per aiutare le famiglie di rifugiati a combattere la diffusione del virus.

Il rischio di infezione da Covid-19 è alto nei campi rifugiati

Circa 79.5 milioni di persone nel mondo sono rifugiati o sfollati a causa di conflitti o persecuzioni (dati UNHCR 2019). Gli insediamenti nei pressi delle aree urbane dove vivono sono luoghi sovraaffollati, privi delle sufficienti strutture mediche o igieniche. Secondo l’UNHCR, a maggio 20 casi di Covid-19 sono stati identificati in 134 paesi che ospitano rifugiati. Il rischio di contrarre l’infezione è alto nei campi rifugiati. Bisogna agire urgentemente per prevenire la diffusione della malattia in questi luoghi per contenere la pandemia globale.

Lo store UNIQLO in Via Cordusio a Milano

Yukihiro Nitta, Senior Vice President del Gruppo e responsabile della Sostenibilità presso Fast Retailing, commenta: “Fast Retailing è un’azienda internazionale che opera in 25 paesi e regioni del mondo. Combattere la diffusione del Covid-19 nei paesi in via di sviluppo che ospitano rifugiati è una grande responsabilità per noi. Grazie al nostro supporto all’UNHCR, Fast Retailing aiuta a proteggere i rifugiati dal rischio d’infezione e ricostruire le loro vite con una prospettiva a lungo termine”.

Christian Schaake, Responsabile globale della raccolta fondi di UNHCR, dichiara: “In questa pandemia Covid-19, i rifugiati hanno bisogno del nostro sostegno in maniera ancora più concreta. Grazie alla generosità e al supporto di UNIQLO, possiamo proteggere e assistere milioni di persone costrette a lasciare le loro case a causa di violenze e persecuzioni. Lavoriamo insieme per proteggere e migliorare le vite dei bambini rifugiati e delle loro famiglie. Tutti possono fare la differenza. Ogni singola azione è importante”.

Non solo denaro: UNIQLO dona capi di abbigliamento e assume rifugiati

Oltre alla donazione monetaria, attraverso il Programma di riciclo di tutti i prodotti, UNIQLO ha donato oltre 1 milione di capi di abbigliamento a rifugiati e altre persone bisognose nella sola Europa. Il negozio di Milano continua a raccogliere vestiti e sostenere coloro che hanno bisogno, compresi i rifugiati con l’aiuto di Arca Onlus. Inoltre, nell’ambito del programma globale di diversità e inclusione della società, UNIQLO Europa ha assunto più di 52 rifugiati in 55 negozi UNIQLO in tutta la regione europea.

Articoli correlati

Da Tiffany & Co. un milione di dollari per l’emergenza Covid-19

Redazione

Chiara Ferragni e Oreo: la capsule collection per sostenere l’emergenza Coronavirus

Giusy Dente

Rihanna devolve 5 milioni di dollari per l’emergenza Coronavirus

Giusy Dente

Lascia un commento