Wondernet Magazine
Psicologia

Perché indossiamo sempre gli stessi vestiti, anche se abbiamo l’armadio pieno? Ce lo spiega lo psicologo.

 

Il dott. Stefano Callipo è psicologo e psicoterapeuta. È spesso ospite nelle più note trasmissioni televisive della Rai (Uno Mattina, Estate in Diretta e La Vita in Diretta, Storie Italiane), Mediaset (Mattino 5) e La7.

A chi di noi non capita di ritrovarsi davanti all’armadio stracolmo di vestiti, e di trascorrere molto tempo a scegliere quale indossare? E dopo un tempo estenuanti trascorso in valutazioni, la nostra scelta ricade quasi sempre sugli stessi indumenti. Per quale motivo? Cosa ci spinge a scegliere a compiere tale scelta? Questa settimana lo psicologo dott. Stefano Callipo ci aiuterà a capire questo comportamento tipicamente femminile.  Se avete domande per lui, potete contattarlo scrivendo a: redazione@wondernetmag.com.

 

Dott. Stefano Callipo
Psicologo Clinico, Giuridico e Psicoterapeuta. Presidente Osservatorio Violenza e Suicidio.

Perché le donne tendono ad indossare sempre gli stessi vestiti (anche se l’armadio è strapieno)

Cominciamo col confermare che tale tendenza è una caratteristica che appartiene più al mondo femminile. All’uomo infatti – almeno fino a poco tempo fa, oggi molto di meno visto un certo trend edonistico-modaiolo dilagante, che meriterebbe un approfondimento a parte – spesso basta ben poco per vestirsi. Questo lo possiamo notare anche dalla differenza nell’impulso di fare spesso acquisti di nuovi vestiti. Per un uomo fare shopping di abbigliamento per sé, costituisce quasi una fatica, e lo fa spesso mal volentieri. La donna invece tende ad acquistare sempre più vestiti, anche possedendone già molti, a volte persino compulsivamente.

Quando poi la mattina ci si prepara per andare al lavoro, o la sera per un uscita, si mette in atto un frequente rituale per il quale ci si ritrova di fronte all’armadio a provare gran parte dei vestiti. Dopo prove su prove, ore su ore, istintivamente si scelgono sempre gli stessi.

I vestiti che indossiamo rappresentano certezze, anche emotive

Ciò può essere dovuto al fatto che la nostra mente cerca situazioni nelle quali ci sentiamo più sicuri, motivo per il quale davanti a vestiti piacevoli scegliamo quelli con i quali ci sentiamo più a nostro agio, ovvero quelli che abbiamo già indossato, con i quali abbiamo la certezza di sentirci più comodi e gestire meglio le stressogene giornate di lavoro o di fatiche familiari quotidiane.

Sentirsi a proprio agio è una scelta che la nostra mente tende a privilegiare. Persino la scelta del colore dei nostri vestiti può riflettere il nostro umore, ecco perché a volte quando acquistiamo un vestito particolare, poi ci ritroviamo a indossarlo raramente nonostante ci piaccia molto.

vestiti

I vestiti che indossiamo frequentemente rappresentano quindi certezze, sicurezze anche dal punto di vista emotivo. Una curiosità: quando ci ritroviamo di fronte al nostro armadio a scegliere un vestito, abbiamo la sensazione di avere alla fine poca scelta, come se i vestiti non fossero abbastanza.

Stesso meccanismo mentale capita di fronte alle scarpe, quando pensiamo “non ho nulla da mettere”. Anche qui è la nostra mente a scegliere, in base a come ci sentiamo nel qui ed ora, e sovente preferiamo inconsciamente rimanere nella comfort zone.

Perché in fondo ciò che importa è stare sempre bene con se stessi, e stare bene con se stessi significa anche compiere delle scelte che ci fanno sentire a nostro agio, in qualsiasi situazione ci ritroviamo ad affrontare.

Articoli correlati

Il 2 giugno è la Giornata Mondiale dei Disturbi Alimentari: un’occasione di riflessione e confronto su un tema molto attuale

Giusy Dente

Attenzione all’effetto Numbing, la “nebbia emotiva” che può insorgere in quarantena

Laura Saltari

Vamping, Fomo, LikeMania, Nomofobia: le patologie legate all’iperconnessione

Valeria Torchio

Lascia un commento