Wondernet Magazine
MODA PERSONAGGI

Winnie Harlow, dal bullismo alle passerelle: oggi è testimonial di Tommy Hilfiger

I bambini, si sa, sanno essere ingenuamente crudeli. Da piccola Winnie Harlow era chiamata “mucca”, “zebra”: ha ricevuto ogni genere di offesa e insulto per il suo aspetto fisico, per la sua vitiligine che è poi diventata la sua fortuna.

Oggi, infatti, Winnie Harlow è una delle modelle più richieste del settore, ma sa benissimo cosa vuol dire sentirsi fuori posto, sentirsi diversa. Ha ammesso anche di aver pensato al suicidio, durante l’adolescenza e di aver abbandonato la scuola a causa degli attacchi di bullismo, che non riusciva a sopportare. Poi la svolta, arrivata proprio da quello che sembrava un mondo a lei precluso per definizione. Il mondo della moda, dove tutto deve essere perfetto, dove tutto deve essere corrispondente a un immaginario predefinito a cui aderire. Winnie Harlow, invece, oggi è una modella affermata proprio perché fiera della sua unicità e per nulla intenzionata a omologarsi.

Winnie Harlow, la modella con la vitiligine

La modella ha il viso e il corpo “chiazzati”, perché affetta da vitiligine, una depigmentazione cronica di porzioni di pelle, piuttosto evidente. Ma quello che sembrava essere un problema più per gli altri, che per lei stessa, è diventato proprio un punto a favore, un’occasione di riscatto. Winnie Harlow ha cambiato l’ideale di bellezza, lo ha ridefinito in un’ottica meno preimpostata. A lei va il merito di dimostrare che la bellezza esiste al di là dei modelli che vogliono farci credere fissi e definitivi.

Dopo i primi servizi fotografici e i primi concorsi di bellezza, per lei è arrivata la grande occasione ad America’s Next Top Model, che l’ha consegnata alla notorietà. Da quel momento ha iniziato a posare e a sfilare per diversi brand: Desigual, Ashish, Diesel, Victoria’s Secret. Diverse sono anche le sue apparizioni in pubblicità e sulle copertine di note riviste di moda (Vogue compresa).

Winnie Harlow

L’ultimo ad averla voluta è Tommy Hilfiger, nella sua nuova collezione primavera-estate Icons, ispirata alla barca a vela e ai modelli classici “nautici”, in un tripudio di rosso-bianco-blu, strisce e bottoni. Con lei nella campagna pubblicitaria anche Candice Swanepoel e Hannah Ferguson, in rappresentanza di un modo di essere donna impeccabile ma allo stesso tempo avventuroso, libero.

Articoli correlati

Ferrari, il secondo drop della collezione firmata Rocco Iannone

Camilla Di Spirito

“Just Us”: Brooklyn Beckham e Nicola Peltz per Pepe Jeans AI 2021-22

Redazione Moda

Gucci abbandona i calendari ufficiali delle sfilate: l’annuncio di Alessandro Michele su Instagram

Redazione

Lascia un commento