Wondernet Magazine
Hair Style

Testa in disordine e poco tempo per lavare i capelli? Prova questi 5 shampoo a secco

Ne avrai già sentito parlare, ma sai cos’è lo shampoo a secco e come si usa? Se non hai tempo e hai bisogno di rimettere a posto i tuoi capelli velocemente può essere una soluzione davvero rapida ed efficace.

Per avere capelli puliti in pochi minuti, quando il tempo stringe e bisogna prepararsi velocemente, in caso di emergenza si può ricorrere allo shampoo a secco. Quando si va di fretta, dopo l’allenamento in palestra o per una serata organizzata all’ultimo minuto, ci viene in soccorso una delle invenzioni più comode, soprattutto per chi ha i capelli grassi.

Questo tipo di shampoo si trova sia nella formulazione spray che in polvere. Tra gli ingredienti che lo compongono ci sono l’amido, il talco e gli estratti purificanti, che assorbono le impurità e l’eccesso di sebo.

Lo shampoo a secco è un prodotto ideale per la detersione dei capelli last minute: quando si ha pochissimo tempo questa la soluzione giusta.

Come dice il nome, questo shampoo non richiede l’utilizzo dell’acqua. Questo può renderlo appropriato anche quando si vuole realizzare un’acconciatura particolare. Infatti detergendola a secco la capigliatura acquisisce maggiore corpo e volume eliminando la necessità di cotonare i capelli.

Se ne trovano di classici, che hanno l’aspetto bianco dell’amido e del talco, oppure arricchiti di pigmenti colorati, che donano un lieve riflesso alla chioma. Tra le pigmentazioni disponibili si trova il castano, il rosso e anche il biondo.

Come utilizzare lo shampoo secco

L’utilizzo di questo prodotto è davvero semplice. Ecco come procedere: dopo aver spazzolato i capelli, dividere in ciocche la chioma per facilitarne l’applicazione. Se si usa lo shampoo spray, vaporizzarlo da una distanza di 20 o 30 centimetri. Quello in polvere invece va distribuito uniformemente sulle ciocche dei capelli.

Attenzione, per evitare di seccare i capelli è consigliabile applicare il prodotto solo sulla cute o nei pressi, senza spingersi oltre, verso le punte.

Una volta applicato sui capelli, lo shampoo a secco va lasciato in posa per massimo cinque minuti. Poi bisogna spazzolarlo via. Si otterrà una chioma pulita, profumata e voluminosa. L’effetto ha una durata di 12 ore, successivamente è importante ricorrere al lavaggio.

I 5 shampoo a secco più utilizzati

Klorane shampoo secco all’Ortica

Lo shampoo secco all’Ortica assorbe l’eccesso di sebo e permette di intervallare gli shampoo grazie alla sua formula inedita: estratto di Ortica dalle comprovate proprietà seboriduttrici e polveri micronizzate ad altissimo potere assorbente. In un attimo, i capelli sono perfettamente puliti e ritrovano volume e freschezza.

Batist shampoo secco idratante

Batiste Hydrating Dry Shampoo è arricchito con un lussureggiante estratto di avocado che nutre le ciocche più secche dei capelli, rendendoli super carezzevoli. La sua formula invisibile non lascia residui visibili. Ciò che rimane sono i capelli puliti e il leggero profumo di pompelmo, melone e mela verde.

Garnier Fructis non-stop cucumber fresh

La formulazione, priva di siliconi e arricchita di estratti di cetriolo, è pensata per svolgere un’azione purificante nei momenti in cui non si ha tempo per un shampoo completo. Ideale per chi cerca un prodotto, che non causa irritazioni del derma e per combattere i capelli grassi.

Diego della Palma Unabottaevia!

Adatto a tutti i tipi di capelli: basta qualche colpo di spray e l’amido di riso assorbe il sebo in eccesso, qualche colpo di spazzola e i capelli tornano morbidi, puliti e vaporosi, come fossero stati appena lavati. Non lascia residui. Contiene: amido di riso, semi di uva, olio di argan, biologico, vitamina E. Senza parabeni, conservanti, nè coloranti e ftalati. 

Aveda shampure Dry Shampoo

Shampoo secco che ravviva istantaneamente i capelli e i sensi, grazie all’aroma calmante shampure™ con 25 essenze pure di fiori e piante. Formulato con prodotti al 99.8% di derivazione naturale. La polvere no-aerosol assorbe l’olio in eccesso tra uno shampoo e l’altro.

Articoli correlati

Tendenza colore capelli 2020: l’hairstylist Fabrizio Alfano spiega cos’è il sombras, una nuova tecnica di schiaritura

Michelle Scalzo

Capelli “elettrici”? Colpa del clima, ma non solo: ecco le cause e 6 modi per rimediare

Celeste Priore

John Nollet, l’hair stylist delle dive bello come una star di Hollywood

Laura Saltari

Lascia un commento