Wondernet Magazine
MODA

Antonio Martino ad Altaroma: la collezione Autunno Inverno 2020/21 si ispira al Rinascimento giapponese

Presentata ad Altaroma la collezione Autunno Inverno 2020/21 di Antonio Martino, ispirata al Rinascimento giapponese e alla “La Leggenda di Tanabata” 

Dettagli di armature, kimono e paraventi finemente decorati danno vita a una collezione contemporanea e moderna, che sfrutta la natura di tessuti diversi, come la morbidezza della lana, la durezza della pelle e la leggerezza geometrica del plissé. È da tutti questi elementi che prende vita la linea Autunno Inverno 2020/21 ready to wear di Antonio Martino, declinata in giubboni, cappe, felpe, abiti e capispalla dalle forme nuove, con dettagli che sfidano la forza di gravità. 

Antonio Martino 

Antonio Martino, salernitano di nascita, romano di adozione, inizia la sua formazione nella Capitale all’età di soli 14 anni. Dopo il diploma, studia come modellista presso la “Ida Ferri Fashion School”. Inizia subito a lavorare e dopo solo due anni è responsabile settore modellazione Alta Moda “Quadrondo service”. Questo settore realizza collezioni per grandi Maison quali Gai Mattiolo, Roccobarocco, Gattinoni, Mafhouz. 

Nel luglio 2008 nasce il brand che porta il suo nome, Antonio Martino Couture, simbolo di eleganza ed eccellenza made in Italy. Uno stile inconfondibile, l’espressione di un lusso non convenzionale che si manifesta in camicie, capi spalla, abiti da giorno, cocktail e gran sera. Design innovativo e sexy, tessuti pregiati, applicazioni preziose e cura sartoriale sono il mood che da sempre accompagna lo stilista.  Il 2012 è un anno molto importante per il designer che diventerà unico proprietario del brand che porta il suo nome. 

Articoli correlati

Valentino, la collezione Haute Couture SS21 sfila alla Fashion Week di Parigi da Roma

Redazione Moda

Greta Ferro testimonial delle borse Furla: nello short movie spedisce e legge cartoline d’amore

Giusy Dente

Dolce & Gabbana: la campagna FW21 svela una Sicilia inaspettata e istintiva

Paola Pulvirenti

Lascia un commento