Wondernet Magazine
Attualità

Carol Maltesi, da commessa a stella dell’hard: la storia della giovane uccisa a Brescia

Carol Maltesi, chi era la ragazza identificata dai tatuaggi
Carol Maltesi aveva solo 26 anni ed un bambino di 5. La sua giovane vita è stata spezzata lo scorso gennaio dalla furia omicida di un uomo, ma solo oggi il suo corpo è stato riconosciuto dai tatuaggi presenti sul suo corpo

È una storia tragica, quella di Carol Maltesi: nata 26 anni fa da papà italiano e mamma olandese, la giovane  era originaria di Sesto Calende, un paese in provincia di Varese. Era scomparsa da gennaio, ma il suo corpo fatto a pezzi è stato ritrovato solo il 20 marzo, in fondo a un dirupo a Borno (Brescia). L’identificazione è stata possibile solo ieri, grazie ai numerosi tatuaggi sul corpo.

L’omicida, un 43enne che frequentava Carol Maltesi, è stato identificato dagli inquirenti e dopo un serrato interrogatorio ha confessato il delitto. È accusato di omicidio volontario aggravato, distruzione e occultamento di cadavere. Ora bisognerà fare luce sul motivo che l’ha portato a uccidere con tanta crudeltà la giovane mamma.

Carol Maltesi, da commessa a diva hard con il nome di Charlotte Angie

Dopo la nascita del figlio, nel 2016, Carol Maltesi aveva iniziato a lavorare come commessa in una profumeria in provincia di Milano. Poi, durante il lockdown, a causa delle continue chiusure, si è trovata in difficoltà economiche. Così ha scelto di entrare nel mondo dell’hard, ed è diventata una stella di Onlyfans, il social network a luci rosse dove caricava foto e video sul suo profilo.

Carol Maltesi, chi era la ragazza identificata dai tatuaggi

Per la carriera nel mondo dell’hard aveva scelto lo pseudonimo di Charlotte Angie. Dopo aver girato alcuni film a luci rosse, Carol Maltesi aveva deciso di abbandonare le scene. I suoi fans, insospettiti dalla sua lunga assenza dai social, quando hanno appreso del corpo non identificato ritrovato a Brescia hanno lanciato l’allarme. Grazie alle foto dei suoi tatuaggi, in particolare di un disegno maculato sul gluteo simile a quello della cantante Elettra Lamborghini, gli inquirenti hanno identificato il corpo.

Sui suoi social l’appello contro la violenza

Nel 2020, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, Carol Maltesi aveva pubblicato un video.”Per combattere determinati pregiudizi noi donne dovremmo essere le prime a sostenerci, affermava. E poi: Si parla tanto di violenza fisica contro le donne ma è altrettanto importante parlare di quella psicologica perché comunque ti distrugge emotivamente ed è altrettanto grave. E se ne parla molto poco di questo”.

Carol Maltesi, chi era la ragazza identificata dai tatuaggi

Di Carol Maltesi però i giornali non parlano come di una giovane donna, una mamma che aveva tutto il diritto di vivere e veder crescere il suo bambino. Ne riportano per lo più lo pseudonimo, Charlotte Angie, titolano sulla sua “doppia vita”, e scavano sui suoi profili alla ricerca di particolari morbosi. Come a sottolineare che una scelta di vita possa in qualche modo scatenare la violenza, in questo caso la furia omicida, in un uomo. La stessa pericolosissima retorica del “Se non si fosse vestita così non le sarebbe accaduto nulla”, che continua a giustificare violenze e abusi sulle donne, della quale a quanto pare non ci libereremo mai.

 

 

Articoli correlati

Papa Francesco, storica intervista da Fazio: «La guerra è un controsenso della creazione» 

Redazione

Giornata Mondiale della Vitiligine: le star che ne soffrono e il loro inno alla body positivity

Camilla Di Spirito

Barbara Palombelli, la frase sui femminicidi e il tentativo di giustificarsi

Laura Saltari

Lascia un commento