Wondernet Magazine
Hair Style

A ogni viso la sua frangia: scopri qual è la più adatta al tuo

Frangia: come portarla a seconda del proprio viso
Lunga, corta, dritta o di lato. A ognuno la sua frangia, per valorizzare il proprio viso con un tocco di originalità ed eleganza, restando sempre alla moda.

Frangia sì o frangia no. L’eterno dilemma che affligge chi non l’ha mai provata e che (ancora) non sa che non riuscirà più a farne a meno. Perché sì, se da un lato è un cambiamento di look che può causare qualche paura, dall’altro è vero anche che la frangia riesce a valorizzare ogni tipo di viso. Basta sapere come fare.

A seconda della forma del proprio volto, infatti, esistono diverse tipologie di frange: lunga e sfilata, bombata, laterale o cortissima. Per ogni donna (o taglio di capelli) la sua frangia ideale. Un modo perfetto per dare una svolta al proprio stile restando sempre alla moda, a ogni età.

Ma qual è il taglio più adatto? Scopriamolo insieme.

A ogni viso la sua frangia

La prima cosa da valutare quando si sceglie di passare alla frangia è quella di capire di che forma è il proprio viso. Per farlo basterà considerare la sua lunghezza, la larghezza e la forma della mandibola.

Questo perché non tutti i tagli sono adatti e il rischio è quello di enfatizzare possibili difetti del volto piuttosto che di valorizzarne i punti di forza.

Ecco perché è importante sapere com’è fatto il proprio viso (facendosi consigliare dal vostro hair stylist di fiducia) e solo dopo scegliere la frangia che più ci piace. Ecco come.

Viso ovale

Se il vostro volto ha una forma di tipo ovale (come la conduttrice Bianca Guaccero, la cantante Taylor Swift o la splendida Julia Roberts) potete ritenervi molto fortunate. Il viso ovale è considerato praticamente perfetto con qualsiasi taglio di capelli o frange. Le più indicate sono quella lunga sfilata, ovvero un taglio morbido che scende dritto sulla fronte, fino quasi sopra agli occhi. Ma anche la frangia laterale a modi “ciuffo” o anche corta e piena. Via libera e sperimentate.

Frangia: come portarla a seconda del proprio viso

Viso quadrato

Esattamente come quello delle bellissime attrici Angelina Jolie o Keira Knightley, questo tipo di viso è caratterizzato dalla spigolosità della mascella e del mento. Da evitare, quindi, i tagli geometrici o le frange piene che andrebbero ad accentuare questi dettagli. Perfetta, invece, la frangia laterale, in grado di armonizzare i tratti del viso e addolcirne la forma.

Frangia: come portarla a seconda del proprio viso

Viso rotondo

Per chi ha un viso rotondo (come quello di Jennifer Lawrence) la frangia più indicata è quella lunga. Dritta o scalata poco importa, l’importante è che non sia un taglio corto ma che riempia il viso in modo uniforme avvolgendolo e donando maggior armonia ai lineamenti.

Frangia: come portarla a seconda del proprio viso

Viso rettangolare

Le linee di questa tipologia di viso sono piuttosto allungate, soprattutto nella zona della mascella. Per questo tipo di volto la soluzione ideale è una frangia lunga e piena che gli permette di bilanciare le proporzioni del viso andando ad “accorciarne” la lunghezza.

Frangia per tutti

Un passe-partout adatto a tutte, invece, è la cosiddetta frangia a tendina, portata alla ribalda dalla celebre Brigitte Bardot. Un tipo di frangia che sta bene anche a chi ha i capelli mossi o ricci, lunghi, corti o a caschetto. In grado di valorizzare ogni forma del viso, incorniciandolo ai lati senza accentuarne i lineamenti. Ma donandogli delicatezza e personalità.

Frangia: come portarla a seconda del proprio viso

La soluzione vincente per chi non voglia rinunciare alla possibilità di sfoggiare un look versatile, mai banale e sempre di tendenza.

Articoli correlati

French bob, Rocío Muñoz Morales segue il trend 2021: il caschetto con frangia presente in molte serie televisive

Ileana Cirulli

Maschere per capelli, 3 ricette fai da te con ingredienti naturali

Valentina Turci

Irina Shayk e Hilary Duff rivoluzionano il loro look e colorano i capelli con tinte vivaci

Ileana Cirulli

Lascia un commento