Wondernet Magazine
Moda Bambini

The Nest: Pitti Immagine Bimbo presenta il progetto dedicato ai brand kidswear emergenti

the nest
Pitti Immagine Bimbo 91 presenta su Pitti Connect una delle sezioni più amate del salone: The Nest. È qui che lo scouting sempre attento e dinamico dello store/concept lab berlinese Little Pop Up concentra giovanissimi brand, spesso alla loro prima collezione, con tutte le potenzialità per emergere.

Per questi energici innovatori del kidswear, The Nest è appunto un nido, un modo per crescere presentando alla community di Pitti il proprio progetto fashion. E per i visitatori, questa è la sezione giusta per scoprire in anteprima i designer che faranno il futuro della moda bimbo.

Artemis&Apollon

Dalla Grecia dei miti con un pizzico di nostalgia e puntando sul valore dell’amicizia. Leggende e antichi eroi ispirano capi di qualità per bambini avventurosi dai 2 agli 11 anni. Una capsule in puro cotone infonde nuova vita a silhouette classiche attraverso giocose illustrazioni mitologiche.

Bianca&Noè

the nest

Nel progetto The Nest anche Bianca&Noè, un brand sostenibile per bambini 0-9 anni nato nel 2019 che ha visto il suo debutto all’inizio del 2020 con una collezione completamente in puro lino certificato ”Master of linen”, coltivato in Normandia e filato e tessuto in Italia da eccellenze del settore. La missione del brand è promuovere un cambiamento culturale positivo insegnando alle nuove generazioni a vestirsi con coscienza (per una maggiore cura della propria salute e di quella del Pianeta) partendo proprio da loro: i bambini. Passione e know-how tramandati di padre in figlio si riversano su capi unici e preziosi dallo stile minimale.

Indhue

the nest

Un marchio indipendente di abbigliamento per bambini da 1 a 8 anni sostenibile ed equo, progettato in Italia ed eticamente realizzato in India.

Tutti i capi sono realizzati con tessuti indiani tessuti a mano a mano, prodotti localmente nelle zone rurali dell’India da famiglie tradizionali di tessitori, secondo antiche tecniche artigianali e utilizzando processi produttivi a basso impatto ambientale.  Obiettivo, celebrare l’anima curiosa dei bambini e il loro bisogno di sentirsi liberi di vivere in simbiosi con la natura.

Isleande

the nest

Un brand finlandese di abbigliamento e accessori per bambini da 1 a 10 anni. I capi sono realizzati in eco-materiali resistenti e traspiranti come lino e Chanderi (blend di cotone e seta).

Le collezioni sono create in piccoli lotti, garantendo che ogni pezzo sia realizzato con cura, con tempo e cura. Isleande raramente utilizza le stampe, si affida ai dettagli nel taglio e alla leggerezza dei materiali. I motivi sono ricamati a mano da mani esperte. Anche il Chanderi utilizzato è tessuto a mano da un artigiano. Il risultato è un tessuto unico unico, leggero ma resistente. 

Wool in Love

the nest

Il brand estone parla di amore per i bambini attraverso l’uso di materiali naturali e un design senza tempo. Un progetto nato da una piccola azienda estone a conduzione familiare con alle spalle una lunga storia legata alla lana. I capi sono in 100% lana merino, filato contemporaneo per le sue proprietà: è anti pilling, a prova di restringimento e resistente alle macchie.

Yoly & Co.

the nest

Fondato nell’estate del 2017 da Ghada El Marsafawy, Yoli & Co è nato con il desiderio di offrire un approccio diverso all’abbigliamento per ragazzi. Un progetto di costumi da bagno per ragazzi che coniuga passione per il design e sensibilità ecosostenibile. Print esclusivi si declinano su boardshorts in tessuti riciclati e materiali non contaminanti come bottiglie di plastica recuperate dagli oceani. I prodotti sono presentati in sacchetti di cotone biodegradabili, eticamente realizzati da maestranze egiziane.

Articoli correlati

Belen Rodriguez: tutti in fila da Original Marines per acquistare la Luna Capsule per neonati

Paola Pulvirenti

Giro Quadro presenta la collezione SS 2020, tra sartorialità partenopea ed ispirazione newyorkese

Redazione

Belen Rodriguez crea Luna, la nuova linea per neonati con Original Marines

Paola Pulvirenti

Lascia un commento