Wondernet Magazine
PERSONAGGI Televisione

“Mariangela!”, su Rai Storia amici e colleghi raccontano la Melato

Ieri sera su Rai Storia la prima parte di Mariangela!”, un documentario per ricordare Mariangela Melato, scomparsa a Roma nel gennaio del 2013. Il 15 e il 22 gennaio andranno in onda la seconda e la terza puntata
Mariangela Melato era un’artista poliedrica, in cui il talento si fondeva con la passione per il lavoro e per la vita. Il programma ‘ Mariangela!‘ è un  viaggio tra cinema, teatro, televisione e vita quotidiana di una donna che ha segnato profondamente la scena artistica italiana. A raccontare l’artista e la donna sono Renzo Arbore, Lella Costa e molti altri amici e colleghi.

Dal lavoro come vetrinista ai film con Visconti e Petri
Nella prima puntata trasmessa ieri sera sono stati ripercorsi gli esordi della Melato. Gli studi di pittura all’Accademia di Brera negli anni ’60, periodo in cui frequentava il bar Jamaica, crocevia degli artisti della città come i fotografi Ugo Mulas e Mario Dondero. Il suo lavoro come vetrinista a La Rinascente – dove conobbe un giovane Giorgio Armani – che le servì a finanziare i primi corsi di recitazione. E ancora, l’ingresso a 19 anni nella compagnia di Fantasio Piccoli, i primi ruoli con Dario Fo, il film “Settimo: ruba un po’ meno” e “La colpa è sempre del diavolo”. Poi l’incontro decisivo con Luchino Visconti con cui la Melato recitò un ruolo nel 1967 in “La monaca di Monza” e in seguito ne “L’inserzione”. Nel 1970 il primo grande successo teatrale nella commedia musicale di Garinei e Giovannini “Alleluia brava gente” di cui è interprete al Sistina accanto a Renato Rascel e Gigi Proietti. E sempre a questi anni risale un momento indimenticabile delle sue apparizioni televisive, una “Canzonissima” presentata da Pippo Baudo in cui la Melato appare in scena uscendo da una valigia. E’ un periodo intenso in cui l’attrice si divide fra teatro e cinema e incarna personaggi memorabili in film dal forte impegno civile e sociale come “La classe operaia va in paradiso” di Elio Petri accanto a Gian Maria Volonté. Ma ai primi anni 70 risale soprattutto il forte legame sentimentale di Mariangela con Renzo Arbore, interrotto amichevolmente nei primi anni’80, ma destinato a restare indelebile e a cementarsi ulteriormente negli ultimi anni di vita dell’attrice

Nella puntata del 15 gennaio gli anni della consacrazione: dal 1974 al 1989

Cinema, teatro, tv: dalla metà degli anni Settanta il talento di Mariangela Melato ha la sua consacrazione su più fronti. Un periodo raccontato dal secondo appuntamento con “Mariangela!”, il programma di Rai Cultura firmato da Fabrizio Corallo e realizzato da 3D Produzioni, in onda martedì 15 gennaio alle 22.10 su Rai Storia. Ospiti di Lella Costa, in studio, Renzo Arbore, Annabella Cerliani, Giovanna Guida, Maurizio Porro, Maurizio Nichetti. Il 1975 consacra il talento brillante della Melato anche con due commedie di grande successo: “La poliziotta” di Steno e “Di che segno sei?” di Sergio Corbucci in cui recita e balia il rock’n roll con Adriano Celentano.

Nel 1980 è anche nel film comico “Il  papocchio” di Renzo Arbore e del lancio in campo internazionale nel cast dei kolossal di fantascienza “Flash Gordon”. Dopo il viaggio negli Stati Uniti per interpretare con Ryan O’Neal la commedia “So fìne” di Andrew Bergman, in Italia è la volta del musical di Pupi Avati “Aiutami a sognare” dove oltre a recitare la Melato si rivela cantante e ballerina di talento. Doti che confermerà due anni dopo in “Domani si balia” di Maurizio Nichetti. Il regista e attore milanese ricorda quell’esperienza e racconta la grande passione per la danza di Mariangela.

Nella puntata del 22 gennaio gli ultimi anni della sua vita

La terza e ultima parte di “Mariangela!” andrà in onda il 22 gennaio, e ripercorrerà la parte finale della vita dell’attrice dal 1990 al 2013. Ancora cinema e fiction, ma soprattutto teatro. L’ultimo spettacolo della Melato è il monologo “Il dolore” di Marguerite Duras diretto da Massimo Luconi. L’attrice scompare l’11 gennaio 2013 in una clinica romana all’età di 71 anni. I suoi funerali sono stati celebrati nella basilica di Santa Maria in Montesanto, detta anche Chiesa degli Artisti, a Roma.

Articoli correlati

Anna Foglietta a Giffoni 50 Winter Edition: «Franca Rampi è forse la cosa più importante che ho fatto nella mia vita»

Redazione

Thom Yorke dei Radiohead e Dajana Roncione si sposano: le nozze nella location de “La Dea Fortuna”

Laura Saltari

Vanessa Bryant, il primo Natale senza Kobe e Gianna: «Sempre insieme, mai separati»

Redazione

Lascia un commento