Wondernet Magazine
FOOD Wonderchef

Montebianco di Maria Rosa, la dolcissima ricetta dello Chef Giancarlo Morelli

Il Montebianco è un dolce al cucchiaio molto semplice e genuino, a base di castagne fresche, frutto tipico della stagione autunnale. 

Chef Giancarlo Morelli

Montebianco di Maria Rosa

Ecco la ricetta dello Chef Giancarlo Morelli, che lo ha chiamato Montebianco di Maria Rosa dal nome di sua mamma, dalla quale l’ha ereditata

Ingredienti
  • 400 g di castagne
  • 320 g di zucchero semolato
  • 250 gr di zucchero a velo
  • 30 g di miele
  • 2 scorze di arancia
  • 1 stecca di cannella
  • 8 uova (albume)
  • Crema inglese alla vaniglia
  • Panna montata
  • Cacao in polvere
Preparazione
  1. Cuocete 400 g di castagne coperte di latte con 70 g di zucchero, 30 g di miele, 2 scorze di arancia e 1 stecca di cannella per 1 ora sul fuoco medio.
  2. Eliminate la cannella e le scorze di arancia, scolate le castagne e frullatele (oppure passatele per 2 volte al passaverdura) ottenendo un composto liscio e sodo.
  3. Montate a neve 250 g di albumi, aggiungete 250 g di zucchero semolato e alla fine incorporate 250 g di zucchero a velo setacciato; raccogliete la meringa ottenuta in una tasca da pasticciere.
  4. Capovolgete e accomodate 8-12 stampini in silicone da muffin (ø 6 cm, h 4 cm) su una placca foderata di carta da forno e formate sopra gli stampini dei nidi di meringa.
  5. Infornate a 120 °C per 5 minuti, poi riducete la temperatura a 80 °C e dopo 3 ore sfornate.
  6. Distribuite nel piatto di portata uno strato di crema inglese alla vaniglia. Farcite i nidi di meringa con gelato alla crema e accomodateli nel piatto; copriteli con il composto di castagna passandolo allo schiacciapatate (usate il foro più largo).
  7. Completate con qualche ciuffo di panna montata e cacao in polvere.

Una storia di successi iniziata nel 1993

Giancarlo Morelli è uno Chef di grande carisma che, con il suo costante lavoro e una dedizione totale alla materia prima, ha forgiato uno stile culinario genuino ed elegante, unendo tradizione, ricerca e spontaneità. Alla sua attività di Chef si è affiancata, con l’apertura di numerosi locali, quella di imprenditore di successo.


A Milano ha inaugurato nel 2017 ben due locali: il Morelli, esperienza gourmet con annesso chef’s table, in cucina, e il Bulk mixology bar, entrambi situati all’interno l’Hotel VIU Milan, design hotel 5 stelle. Queste due aperture coronano una storia di successi che inizia con il Pomiroeu, ristorante nato nel lontano 1993 a Seregno (MB), al quale Morelli affianca poi il ristorante del Phi Beach, noto locale della Costa Smeralda, nel 2011.

 

Articoli correlati

Pizza Napoletana con impasto poolish, croccante e digeribile: la ricetta del pizzaiolo Antonio Bia

Anna Chiara Delle Donne

Boccaccesca 2019: nel borgo medievale di Certaldo il cibo si fa musica

Redazione

Colazione sempre più social, 1 milione di giovani la condivide online: come realizzare lo scatto perfetto in 6 mosse

Redazione

Lascia un commento