Wondernet Magazine
Accessori

“Rethinking Energy”: la campagna Borsalino SS21 celebra l’inesauribile energia della danza

"Rethinking Energy", il primo fashion film Borsalino
Borsalino presenta l’anteprima della prima campagna fashion film, intitolata “Rethinking Energy”. Una coreografia dal design inedito, interpretata da nove ballerini professionisti per celebrare la nuova collezione SS21.

Per presentare la collezione Primavera-Estate 2021 Borsalino svela in anteprima la nuova campagna di comunicazione concepita sotto la direzione artistica del Creative Curator Giacomo Santucci. 

A realizzare la campagna Borsalino Primavera/Estate 2021, è il fotografo Joseph Cardo, che gira un vero e proprio fashion film. Rethinking Energy è ambientata nel cuore della manifattura Borsalino di Alessandria, dove nove ballerini professionisti portano in scena la dinamicità e l’energia di una collezione che, ispirandosi liberamente al movimento Arts & Crafts, mostra con vigore la nuova idea di bellezza Borsalino.

“Rethinking Energy”, il teaser trailer

Questo il teaser di anteprima di 20 secondi: il fashion film completo di 2 minuti sarà pubblicato sui canali social e sul sito web di Borsalino sabato 20 febbraio. Protagonisti della campagna, sono i ballerini Anaïs Maurer, Cecilia Pacillo, Chiara Giulia Nenna, Douglas Zambrano, Eleonora Lupo, Giulio Galimberti, Lorenzo Cavallero, Michela Mazzoni e Mirand Pulaj. 

“L’energia non si ferma mai. L’energia si trasforma.”

L’ispirazione della collezione, un raffinato dialogo intellettuale tra le grafiche di Aubrey Beardsley e l’Optical Art di Bridget Louise Riley, si manifesta nella campagna attraverso la danza. La suprema arte del movimento e linguaggio universale del corpo, capace di liberare energia e grazia come nessun’altra disciplina.

Borsalino, la collezione SS21

La collezione Borsalino SS2,1 nata sotto la direzione artistica del Creative Curator Giacomo Santucci, mostra  tutta l’evidenza della nuova idea di bellezza del brand. Borsalino esalta la gioia di vivere, la diversità come ricchezza e fa intravedere sconfinate possibilità di espressione.

In scena rafia, papier, treccia canapa, Panama in tutte le finezze e, naturalmente, Montecristi, emblema dell’eccellenza artigianale ecuadoriana. Materiali della tradizione Borsalino, che riafferma la sua predilezione per le fibre naturali.

I confini fra maschile e femminile sono sempre più rarefatti. Gli stilemi optical pervadono entrambe le collezioni reinterpretando gli elementi della natura. La stella, innanzitutto, simbolo di energia e libertà, che ripetuta ossessivamente sui nastri crea un’illusione ottica nei toni del bianco e del nero. Stella che ritorna nell’inedito intreccio dei Panama Quito e Crochet creando un’esuberante trama a zig-zag. L’effetto ottico si amplifica ulteriormente nel papier con motivo Damier,  per sconfinare poi nel Trompe-l’oeil con la cinta sovrapposta e profilata del Panama Fine a tesa media.

Cupole alte e tese sempre più larghe per una collezione femminile che si esalta nell’apparente contrasto fra l’essenzialità delle linee e la ricchezza dei dettagli. Tra le proposte più interessanti c’è il Panama semiventilato con intreccio reticolato naturale-nero. Troviamo anche il Panama Quito con inedito motivo a spirale, e il modello Bandoliera con tracolla, che promette già di essere un must di stagione. Imperdibili inoltre le tese sfrangiate Country, in un risultato che fa della magnifica imperfezione artigianale Borsalino, la sua singolarità.

I grandi classici Borsalino: il Montecristi Safari e il Bogart

Non mancano i grandi classici. Direttamente dall’archivio storico Borsalino, il modello Montecristi Safari arrotolabile, reinterpretato nella silhouette e disponibile con 28 differenti nastri. Il fatidico Borsalino a tesa media, summa di ogni sapienza artigianale e di qualsiasi sintesi formale, qui proposto nella versione estiva in feltro 50 Grammi, declinato in 20 colori naturali con nastro in tono o a contrasto. Infine, il collectible Bogart by Borsalino, in feltro jorasse con cinta optical Croco-Graphic; incisa all’interno del cappello una delle espressioni più icastiche dell’attore hollywoodiano: “The problem with the world is that everyone is a few drinks behind”.

Articoli correlati

Il cappello, un elemento dell’outfit che protegge dal freddo e impreziosisce il look

Michelle Scalzo

Kate Moss è di nuovo il volto di Messika gioielli per i 10 anni della linea Move

Paola Pulvirenti

San Valentino, qualche idea regalo per lui

Michelle Scalzo

Lascia un commento