Wondernet Magazine
Viaggi

Formentera: alla scoperta della “isla bonita” del Mediterraneo, tra storia, mare e natura

formentera
Volendo andare alla scoperta di Formentera, dobbiamo innanzitutto a capire dove si trova. L’isola di Formentera si trova nel Mar Mediterraneo ed appartiene all’arcipelago delle isole Baleari. Siamo in Spagna e le lingue ufficiali parlate sono lo spagnolo ed il catalano.

Al momento la popolazione registrata è pari a 12.216 abitanti. La sua superficie è invece di soli 83,2 km²: ciò rende Formentera un vero e proprio gioiello facile da visitare in una settimana di vacanza. 

I centri abitati sono in totale cinque: Es Pujols (centro turistico per eccellenza ed abitato solo nella stagione estiva), Sant Ferran, Sant Francesc Xavier (capoluogo dell’isola), La Mola ed infine La Savina, quest’ultimo sede del porto di Formentera. Il santo patrono è Sant Jaume (San Giacomo) e viene celebrato il 25 luglio. 

Raggiungere Formentera dall’Italia è molto semplice: è necessario prendere un volo per Ibiza e successivamente recarsi al porto per raggiungere la “isla bonita”. Per evitare lunghe code e per avere un risparmio sul prezzo, è consigliato comprare online i biglietti del traghetto Ibiza Formentera. In soli 30 minuti di navigazione è dunque possibile raggiungere quest’isola di rara bellezza. 

Un po’ di storia

Riguardo alla sua storia purtroppo non esistono tante testimonianze e gli unici reperti ancora oggi visibili sono il sepolcro megalitico di Ca Na Costa, i resti del castello romano di Can Blai, la piccola cappella di Sa Tanca Vella. Purtroppo tutti presentano gravi mancanze e ciò che resta non ruberà molto tempo all’eventuale visita che potreste dedicargli durante il vostro soggiorno a Formentera.

Le 5 torri di avvistamento sono invece costruzioni databili tra il XVI ed il XVII secolo e servivano come postazioni di guardia per gli attacchi dei pirati. Infine l’isola vanta un piccolo museo etnografico nel paese di Sant Francesc Xavier ed uno spazio culturale multidisciplinare situato all’interno del basamento del faro di La Mola. 

L’isola, come le restanti dell’arcipelago delle Baleari, gode di un clima Mediterraneo e ciò la rende meta perfetta sia per una fuga primaverile che per le vacanze estive.

Formentera in bassa stagione

Ma quali sono i vantaggi di prenotare la propria vacanza in un periodo rispetto ad un altro? Se decidete di visitarla in bassa stagione (aprile, maggio ed ottobre) potrete approfittare di voli a prezzi esigui oltre che ad alloggi con tariffe convenienti. Ciò che non potrete fare saranno però lunghi bagni nel suo splendido mare: nonostante le giornate calde e soleggiate la temperatura dell’acqua sarà abbastanza bassa. 

Ciò che invece più che mai si può fare in questo periodo sono le passeggiate nella natura. Il Consell Insular di Formentera ha stilato una serie di 20 circuiti verdi che permettono a chiunque di conoscere l’isola da un punto di vista inedito.
Tutti i percorsi infatti, prevedono l’esplorazione della Formentera rurale, quella fatta di caprette al pascolo, mulini a vento e magnifici alberi fico puntellati come da tradizione isolana.

Formentera in alta stagione

Chi sceglie invece l’estate per andare a Formentera deve mettere in conto un discreto budget da destinare sia al volo aereo (salvo questo non venga prenotato con molto anticipo) sia alla casa o albergo. Le tariffe infatti si alzano notevolmente in questo periodo.
In molti optano per un appartamento in affitto: questo permette di dividere la spesa tra più persone ma soprattutto di poter cenare o pranzare a casa grazie alla presenza della cucina. 

La vita da spiaggia è la regina incontrastata di una settimana di vacanza estiva a Formentera. Il sole alto e caldo non solo vi regalerà una tintarella invidiabile ma non vi farà stare più di tanto stesi in spiaggia: i bagni nelle sue acque cristalline saranno una necessità! 

Ma Formentera non è solo mare, infatti imperdibili sono le visite ai fari, i giri per i mercatini hippy e gli aperitivi al tramonto nei chiringuitos dell’isola.

I fari

I fari appartengono alla parte spirituale di Formentera, visitarli significa fare un piccolo viaggio interiore, a contatto con le proprie emozioni ed i propri pensieri. Il primo si trova nel lato sud-ovest dell’isola, precisamente a Cap de Barbaria, e, grazie al suo orientamento, è il luogo perfetto dove poter ammirare il tramonto. 

Non sarà possibile arrivarci direttamente con un mezzo (a tal proposito consigliamo di affittare il motorino per girare sull’isola) ma, parcheggiandolo nell’aria preposta affronterete una piccola passeggiata che vi condurrà al suo cospetto. Ecco, il viaggio interiore incomincia fin da lì: vedrete il panorama intorno a voi mutare passo dopo passo e, una volta arrivati sull’ampia scogliera, potrete abbandonarvi ai vostri pensieri. Un misto di malinconia e di estrema libertà vi travolgerà come non mai. Ammirate il panorama e godetevi lo spettacolo della natura. 

L’altro faro, altrettanto suggestivo, si trova sull’altopiano di La Mola e, sulla strada che percorrete per raggiungerlo, ciò che più vi sconvolgerà sarà la natura. Se in un primo mento sarete avvolti dal profumo intenso dei boschi ricchi di pini marittimi e ginepri, ad un certo punto vi ritroverete in un paesaggio spoglio e desolato. 

L’ampia e impervia scogliera ed il vento nei capelli faranno da cornice a questo faro che, solenne, si erge sul punto più alto di tutta Formentera: a quasi 200 metri di altezza. Sembra che, Jules Verne, ambientò qui una parte del suo romanzo chiamato “Le avventure di Ettore Servadac”.

I mercatini artigianali

I vivacissimi mercatini artigianali sono invece l’eredità del glorioso passato hippy di Formentera. L’isola, infatti, negli anni ‘60, fu infatti meta di numerosi giovani appartenenti al movimento “peace and love”. Essi scelsero questo fazzoletto di terra poiché, se ovunque la globalizzazione invadeva i territori, qui la vita scorreva placida e senza alcun tipo di influenza esterna. 

Gli attuali mercatini hippy si svolgono in diverse zone dell’isola ma il più pittoresco e degno di una visita approfondita è sicuramente quello che si svolge a La Mola. Viene allestito ogni mercoledì e domenica dall’ora del tramonto fino a sera inoltrata.

L’aperitivo sulla spiaggia

Formentera inoltre è famosa per i suoi aperitivi. Sono numerosi i chiringuitos sulla spiaggia dove poter assistere a tramonti strappalacrime e sorseggiare ottimi cocktail. Noi vi suggeriamo di fare un salto innanzitutto alla mecca indiscussa dei chiringuitos ovvero il Piratabus, celebre per i suoi mojito. 

Non da meno, e degni di una visita, sono il Lucky, il Kiosko 62 ed infine il Sa Sequi. La lista potrebbe essere ancora molto lunga ma non vogliamo togliervi il piacere della scoperta. Lasciatevi guidare dall’istinto e Formentera non vi deluderà!

Articoli correlati

A Vignanello il secondo e il terzo weekend di novembre torna la festa dell’Olio e del Vino Novello

Redazione

Dalle Alpi a Dubai a un rooftop bar di Manhattan: 9 idee per trascorrere un Capodanno tra le nuvole

Redazione

Carnevale, 7 località italiane con le rievocazioni e le sfilate più belle e suggestive

Redazione

Lascia un commento