Wondernet Magazine
Musica

Depeche Mode, il 26 giugno esce il cofanetto speciale con il doppio CD “Live Spirits Soundtrack” e il DVD “Spirits in the Forest”

Dopo il successo riscosso dalla critica, l’entusiasmo dei fan e i grandi risultati ottenuti al box office, i Depeche Mode e Sony Music Entertainment hanno deciso di pubblicare in DVD e Blu-Ray il rivoluzionario film-concerto “Depeche Mode: Spirits in the Forest”.

Il cofanetto speciale con 4 CD divisi in 2 DVD e 2 CD audio, la cui uscita era inizialmente prevista a marzo, uscirà il 26 giugno. La band ha annunciato la news sui suoi social media.

We're happy to announce that SPiRiTS IN THE FOREST will now be released on DVD/Blu-ray worldwide on June 26. The package includes the documentary, along with LiVE SPiRiTS, the full-length performance filmed at the final two shows in Berlin. For more details, visit spiritsintheforest.com.

Publiée par Depeche Mode sur Jeudi 11 juin 2020

Questo speciale cofanetto, già disponibile in pre order a questo link, renderà l’esperienza di “Depeche Mode: Spirits in the Forest” immersiva e il più completa possibile. Saranno disponibili sia la versione DVD sia la versione Blu-Ray. I 2 DVD contengono il documentario “Spirits in the Forest” e Live Spirits Soundtrack”, che al suo interno ha la registrazione dell’intero concerto della band alla Waldbühne di Berlino durante le ultime date del Global Spirit Tour. Si tratta di un filmato inedito, in quanto mai mostrato al pubblico nella sua interezza.

Oltre ad essere contenuto nel cofanetto, il doppio CD audio Live Spirits Soundtrack” con le registrazioni dal vivo di tutti i brani, sarà disponibile per l’acquisto anche singolarmente.

La tracklist dei 2 CD audio “Live Spirits Soundtrack”

DISC 1

1.   Intro

2.   Going Backwards

3.   It’s No Good

4.   A Pain That I’m Used To

5.   Useless

6.   Precious

7.   World in My Eyes

8.   Cover Me

9.   The Things You Said

10. Insight

11. Poison Heart

DISC 2

1.   Where’s the Revolution

2.   Everything Counts

3.   Stripped

4.   Enjoy the Silence

5.   Never Let Me Down Again

6.   I Want You Now

7.   Heroes

8.   Walking In My Shoes

9.   Personal Jesus

10. Just Can’t Get Enough

Un film che ha reinventato il concetto di documentario musicale

Secondo Forbes, “Depeche Mode: Spirits in the Forest” ha elevato gli standard dei film-concerto a un nuovo livello. Anton Corbijn, regista del film e collaboratore di lunga data della band, ha reinventato il concetto di documentario musicale spostando il focus sulle esperienze di 6 “super fan” dei Depeche Mode, provenienti da diverse parti del mondo.

Il film ruota attorno a queste 6 vite – tutte molto diverse tra di loro, ma con lo stesso comune denominatore: l’amore per i Depeche Mode e l’influenza che la loro musica ha avuto nella loro esistenza. La storia principale è intervallata da scene tratte dal concerto della band all’iconica Waldbühne di Berlino, nell’ultima tappa del Global Spirit Tour 2018 che è durato 2 anni e ha portato i Depeche Mode a totalizzare numeri da record, suonando davanti a oltre 3 milioni di fan nel corso di 115 performance in tutto il mondo.

Photo Anton Corbijn©

Le canzoni, tra le quali alcune delle hit più famose dei Depeche Mode, creano un legame indissolubile con le storie narrate nel documentario, mettendo in luce la grande forza della musica dei Depeche Mode, che riesce a superare qualsiasi confine.

“Depeche Mode: Spirits in the Forest” ha rappresentato una delle uscite cinematografiche più importanti, con 3.000 proiezioni nei cinema di circa 80 paesi a novembre 2019. Il film ha incassato $4.5 millioni ed è stato visto da oltre 220,000 persone. Recentemente, è apparso in streaming su Prime Video in oltre 130 paesi in tutto il mondo ed è anche disponibile su iTunes.

Articoli correlati

Nuovo record per i Måneskin: sono la prima band italiana nella top ten del Regno Unito

Camilla Di Spirito

“Il Volo – Un’avventura Straordinaria”: questa sera su Rai 1 il concerto evento dall’Arena di Verona

Redazione

Laura Pausini: «Volo a Los Angeles, ma resto sempre la ragazzina di Solarolo»

Laura Saltari

Lascia un commento