Wondernet Magazine
CINEMA

Miriam Leone cambia look: bionda sul red carpet di “1994”

La 34enne attrice catanese, ex Miss Italia, si è presentata all’anteprima del terzo episodio della trilogia ideata da Stefano Accorsi e trasmessa da Sky con una chioma biondo platino.

Non proprio una sorpresa, per chi la segue sui social. Già qualche giorno fa Miriam Leone ha pubblicato su Instagram una foto che la ritrae con il suo nuovo look. Via i lunghi capelli rossi, l’attrice ha optato per un biondo chiaro, che a detta di alcuni le dona meno del rosso, ma che non intacca minimamente la perfezione dei suoi lineamenti. “Vi presento una nuova me. Sì, cambiare. Sì, rinascere”, ha scritto Miriam sotto la foto.

Photo Credit: Instagram

Miriam sarà Eva Kant in “Diabolik” dei Manetti Bros.

In realtà dietro il cambiamento di look, più che una reale voglia di cambiare, ci sono esigenze lavorative. Miriam sarà infatti la protagonista femminile del film “Diabolik” dei Manetti Bros, i due fratelli romani Marco e Antonio Manetti, registi di tante commedie musicali e di fiction TV tra le quali “L’Ispettore Coliandro”, e vincitori del David di Donatello per il miglior film 2018 per “Ammore e malavita”. Miriam si calerà nei panni di Eva Kant, la compagna di Diabolik che sarà interpretato da Luca Marinelli. Valerio Mastrandrea avrà il ruolo dell’Ispettore Ginko. Le riprese inizieranno a breve, e il film che sarà girato tra Milano, Bologna e Trieste arriverà nelle sale nel 2020.

miriam leone
Miriam Leone e Stefano Accorsi alla prima di 1994 – Photo Credit Instagram

Dal 4 ottobre su Sky Atlantic “1994”

1994, la produzione Sky dove Miriam Leone torna a interpretare il personaggio di Veronica Castello, sarà in onda in otto episodi dal prossimo 4 ottobre su Sky Atlantic. La serie, come nei precedenti 1992 e 1993, racconta gli anni che hanno cambiato il Paese a cavallo fra Prima e Seconda Repubblica. Nel cast ritroviamo Stefano Accorsi, ideatore della serie, nei panni del politico Leonardo Notte, e Guido Caprino che interpreta il deputato leghista Pietro Bosco. Le prime due stagioni della serie hanno riscosso un successo internazionale, e sono state distribuita in 85 paesi.

 

Articoli correlati

“Leonardo. Le opere”: al cinema il docu-film per celebrare la chiusura dell’anno delle celebrazioni dedicate all’Artista

Laura Saltari

Elio Germano è “L’uomo senza gravità”, una storia in bilico tra fiaba e realtà

Teresa Vono

Sarà dedicata a Sergio Leone l’ottava edizione di Visioni Corte International Short Film Festival

Clara Mancini

Lascia un commento