Wondernet Magazine
LIFESTYLE

Veja X Darwin: a Bordeaux lo store dove le vecchie sneakers tornano a nuova vita

veja x Darwin
Il brand francese Veja ha scelto Darwin per lanciare il suo nuovo progetto. Veja X Darwin è uno spazio per rinnovare, riparare e dare nuova vita alle vecchie sneakers. 

Veja x Darwin riunisce modelli Veja mai presentati, prototipi, sneakers con difetti minimi e qualche paia di vecchie collezioni, tutti a prezzi ridotti.

Darwin è un luogo diverso, un parco giochi a grandezza naturale per l’innovazione ecologica e sociale, ispirato alle culture urbane. Aperto a Bordeaux nel 2007, il suo fondatore Philippe Barre ha voluto trasformare questa ex caserma in un luogo alternativo, uno spazio di condivisione e riflessione sul ruolo del commercio al servizio dell’interesse generale e collettivo.

veja x Darwin
Photo Credits: Ory Meuel©

Questo spazio riunisce 50 associazioni e 200 aziende: è un progetto che rompe i modi tradizionali di integrare arte, commercio, cultura, lavoro e sport. Conosciuto anche per i suoi spazi di coworking, Darwin è un luogo di condivisione. Questa ex caserma militare si estende su una superficie di 90.000 metri quadrati sul Quai des Queyries, e rivitalizza la riva destra di Bordeaux. Ospita circa un milione di visitatori ogni anno, 800 persone vi lavorano ogni giorno, cifra destinata ad aumentare nei prossimi mesi.

Pensato come un laboratorio, Veja x Darwin è store del futuro, nel quale si possono acquistare prototipi mai lanciati, sneaker con difetti minimi a prezzi ridotti e alcuni modelli di vecchie collezioni. Ma non solo: nello store c’è l’officina di un calzolaio che pulisce e ripara le sneakers usurate. Quelle troppo in cattive condizioni  e che non possono essere recuperate, vengono raccolte e smistate per il riciclo.

--

Articoli correlati

Podcast: una rassegna di titoli sull’amore e sulle relazioni per San Valentino

Redazione

Ferrari, il brand italiano più famoso al mondo entra nella moda con Giorgio Armani

Redazione

Torna l’ora solare, qualche consiglio per affrontare i disturbi legati al cambio delle lancette

Laura Saltari

Lascia un commento