Wondernet Magazine
LIFESTYLE

L’”intervallo” degli italiani nel nuovo spot Autogrill

La catena di ristorazione autostradale ha lanciato una nuova campagna di comunicazione social che riprende il famoso “Intervallo” Rai degli anni Sessanta e Settanta.

Autogrill, la storica catena di ristorazione presente sulle autostrade al servizio di chi viaggia, ha lanciato uno spot dedicato al concetto di “fermarsi”, almeno temporaneamente, in questo periodo di emergenza sanitaria.

Anche se le disposizioni del Governo vietano viaggi su strade e autostrade, Autogrill ha mantenuto i suoi punti di ristoro aperti. Non al pubblico, ma per gli autotrasportatori, le forze dell’ordine, i mezzi di soccorso e tutti coloro che continuano a spostarsi per motivi di lavoro.

Per valorizzare il ruolo sociale che Autogrill svolge anche in questo contesto, l’azienda ha lanciato una campagna di comunicazione curata dall’agenzia Casiraghi Greco&. Il messaggio veicolato mette in risalto l’importanza del fermarsi. E il tema scelto per la campagna si ispira al vecchio “Intervallo” della Rai.

autogrill
Il frame di un Intervallo Rai degli anni Sessanta

Nei famosi intervalli, la Rai trasmetteva una sequenza di immagini di scorci paesaggistici o di monumenti italiani per riempire i vuoti di programmazione.

Autogrill riprende immagini di città italiane, e la musica in sottofondo è proprio la famosa “Toccata In La Maggiore Per Arpa & Orchestra” di Pietro Domenico Paradisi utilizzata nell’Intervallo Rai.

 «Noi italiani non ci siamo fermati. Stiamo solo facendo un intervallo.»  si legge alla fine del video pubblicato da Autogrill su Facebook e su Instagram. Nel giro di poche ore il post ha ottenuto decine di migliaia di visualizzazioni e di condivisioni.

 

Articoli correlati

Palestre e piscine dal 25 maggio riaprono dopo il lockdown: le linee guida e le regole da rispettare

Redazione

Sostenibilità e risparmio: come conciliare l’eco-friendly a uno stile di vita economico

Redazione

Veja X Darwin: a Bordeaux lo store dove le vecchie sneakers tornano a nuova vita

Redazione

Lascia un commento