Wondernet Magazine
FASHION WEEK

Alberta Ferretti, la sfilata SS23 è un inno colorato e romantico alla voglia di viaggiare

Alberta Ferretti ha presentato a Milano Moda Donna la sua collezione Primavera-Estate 2023. Una raccolta di elementi preziosi accumulati in giro per il mondo, tesori e ricordi assemblati con spiccato eclettismo qui e ora, con grande nonchalance

A Milano Moda Donna è andato in scena il fashion show Alberta Ferretti Primavera-Estate 2023. Per la designer, fare moda è un mezzo per tradurre in abiti la sua passione per la vita, la natura, le esperienze. Di immaginare fantasie che sono vere e popolarle di donne dinamiche ed espressive, vestite con forza e gentilezza.

Il suo è un viaggio continuo di esplorazione, espresso attraverso uno spiccato gusto per la manualità, per le lavorazioni che danno ai capi sfumature insieme tattili ed emozionali. Ad assistere alla sfilata Alberta Ferretti Primavera-Estate 2023, tra le celebrities, le supermodelle Alessandra Ambrosio e Olivia Palermo. Noemi, che la stilista ha vestito a Sanremo 2022. E poi Melissa Satta, Marica Pellegrinelli, Ludovica Sauer ed Elisabetta Canalis.

Alberta Ferretti, la sfilata Primavera-Estate 2023

La collezione Alberta Ferretti Primavera-Estate 2023 è ispirata alla Wanderlust, ossia alla voglia di viaggiare. Ed è un vero e proprio un viaggio. Colpisce subito il colpo d’occhio nomadico dei colori: toni di verde prato, viola ametista, turchese, tabacco e bruciato che si mescolano ai naturali, ai bagliori delle canutiglie, regalando un immediato senso di energia.

Vivificato da questi cromatismi pittorici, il guardaroba immaginato da Alberta Ferretti è un inno alla leggerezza e alla fluidità: carattere indispensabile di una donna che è cittadina globale, e degli abiti che indossa. Lungo, corto, maschile, femminile si mescolano: le camicie si allungano, i trench diventano impalpabili, i gilet e le giacche si smaterializzano in orli a fazzoletto. La pelle nuda occhieggia sotto pannelli liquidi, sotto le tuniche di rafia o di canutiglie, sotto abiti incrostati di tralci macramè. Sono evidenti gli echi di un certo abbigliamento da viaggio, filtrato attraverso materie impalpabili: field jacket, blazer, tute. Di sera tutto si fa ancora più leggero, danzante, prezioso, e il gusto della manualità diventa ineffabile squisitezza. A dar corpo e consistenza a questa visione di eclettica naturalezza sono i materiali: seta, chiffon, satin, tela di seta e lino, rafia.

Articoli correlati

Dolce & Gabbana, la sfilata FW22 porta in passerella il metaverso e trasforma le donne in avatar

Laura Saltari

MSGM sfila alla Biblioteca degli Alberi, fra la natura e il glam Milano anni ’80

Paola Pulvirenti

Monte Carlo Fashion Week, al via la nona edizione: sarà fisica, e incentrata sulla sostenibilità 

Redazione Moda

Lascia un commento