Wondernet Magazine
Cinema

Simona Ventura debutta alla regia con “Le 7 giornate di Bergamo”: sarà alla Mostra di Venezia

Simona Ventura debutta alla regia a Venezia 78
La showgirl e conduttrice Simona Ventura porterà alla Mostra del Cinema di Venezia il docu-film “Le 7 giornate di Bergamo”, racconto della realizzazione in tempi record dell’ospedale anti Covid a Bergamo.

In autunno, rivedremo Simona Ventura alla conduzione. Il progetto, in partenza a settembre, è un programma domenicale, che si chiamerà “Citofonare Rai 2” e sarà co-condotto insieme a Paola Perego. Nel frattempo, Super Simo si è dedicata a un progetto inedito: il suo debutto alla regia.

In un’intervista al “Corriere della Sera”, Simona ha parlato della sua nuova esperienza dietro la macchina da presa. L’invito al pubblico è di superare i pregiudizi e di guardare il documentario che ha firmato con curiosità e senza preconcetti.

Simona Ventura debutta alla regia a Venezia 78
Simona Ventura sul set del docu-film

Il debutto di Simona Ventura alla regia

Alla 78ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si terrà dal 1° all’11 settembre 2021, la conduttrice Simona Ventura presenterà la sua prima opera da regista. Si tratta del docu-film “Le 7 giornate di Bergamo”, dedicato al racconto di una vera e propria gara di solidarietà, che ha portato alla costruzione, in soli 7 giorni, durante il lockdown, di un ospedale da campo anti Covid, con 142 posti letto. Gli alpini sono stati tra i grandi protagonisti di questa missione. L’idea del documentario, non a caso, è del loro responsabile sanitario Sergio Rizzini.

Simona Ventura debutta alla regia a Venezia 78

Le dichiarazioni social di Simona Ventura

«Siamo alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 78! È stata una vera sorpresa che mi ha riempito il cuore di gioia! Ho scelto di fare la mia prima regia ne “Le 7 giornate di Bergamo” perché avevo voglia di raccontare il mio punto di vista su un fatto che ha segnato profondamente le nostre vite. Il docu racconta la costruzione dell’ospedale alla Fiera di Bergamo, spinta dall’immane forza, volontà e disperazione di un gruppo di alpini, guidati da Sergio Rizzini e coadiuvati da artigiani, imprenditori e tifosi dell’Atalanta, in soli 7 giorni! Un lavoro che non sarei riuscita a raccontare senza l’appoggio di Luigi Crespi e Ambrogio Crespi, di Giacomo Pellegrinelli e di Giovanni Terzi (nulla senza di te sarebbe accaduto)».

Simona Ventura debutta alla regia a Venezia 78
Un altro scatto dal set de “Le 7 giornate di Bergamo”

Venezia e l’invito a superare i pregiudizi

Simona Ventura si prepara a sfilare sul red carpet della Laguna con 400 alpini, sfoggiando il celebre cappello con la piuma. La neo-regista è molto emozionata all’idea di questo debutto su un palco così importante e ricco di ospiti illustri: «Per me è una soddisfazione enorme, al di là dei grandi autori, quest’apertura a un cinema diverso. È la realizzazione di un sogno. Vorrei incontrare Almodóvar [che aprirà Venezia con “Madres Paralelas” n.d.R.], amavo il suo sarcasmo quando in pochi lo capivano».

Simona Ventura debutta alla regia a Venezia 78
Una foto di Super Simo durante le sue vacanze in Sardegna

La conduttrice è, però, anche consapevole di andare incontro a molte critiche, dettate perlopiù da pregiudizi, e sempre al “Corriere della sera” dichiara: «Vorrei fare un appello al mondo del cinema. A Venezia guardatemi senza pregiudizi. Anzi, guardatelo». Ricorda, a proposito dei preconcetti verso chi non appartiene al settore della settima arte, altre esperienze simili: «Lo so bene, a un premio Ciak a Taormina chi veniva dalla tv fu carino con me, altri molto meno. Sono barriere che devono cadere, dovremmo essere più trasversali, aprire la mente come in America, ora che ci sono le piattaforme. Io non sono snob né classista, tutti devono avere rispetto e dignità. Se girerei un film di fiction? Mai dire mai, per ora non sono in grado. Ho il progetto di un documentario sulle carceri».

Articoli correlati

Vincent Cassel sarà Athos nel nuovo film “I tre moschettieri” prodotto dal marito di Charlotte Casiraghi

Laura Saltari

“Respect”: il premio Oscar Jennifer Hudson veste i panni della regina del soul Aretha Franklin  

Redazione

“Homemade”: su Netflix corti creati in tutto il mondo durante il lockdown, per l’Italia Paolo Sorrentino

Redazione

Lascia un commento