Wondernet Magazine
Cinema

“Thelma & Louise” 30 anni dopo: Susan Sarandon e Geena Davis di nuovo insieme

"Thelma & Louise" 30 anni dopo, la serata-evento
Era il 1991 quando approdava sugli schermi di tutto il mondo “Thelma & Louise”. L’opera di Ridley Scott, vero e proprio manifesto femminista, ha segnato la storia del cinema con il suo finale inaspettato e di una potenza sconvolgente.

Thelma & Louise” compie 30 anni. Susan Sarandon e Geena Davis hanno presenziato a una serata per celebrare l’importante anniversario.

L’evento si è tenuto a Los Angeles nel Teatro Greco all’interno del Griffith Park. Le due attrici hanno ricreato il celebre bacio della pellicola, sedute nella decappottabile simbolo del film.

"Thelma & Louise" 30 anni dopo, la serata-evento

“Thelma & Louise”, film cult e manifesto femminista

Il settimo film di Ridley Scott racconta di una potente amicizia tra donne. Thelma e Louise sono stanche di condurre delle esistenze misere e delle loro relazioni insoddisfacenti. Decidono, quindi, di evadere dalla routine, partendo per un week-end in montagna. Durante una sosta in un locale, però, un uomo tenta di abusare di Thelma e Louise per difenderla gli spara, uccidendolo. Le due sono costrette, quindi, a darsi alla fuga. Il drammatico epilogo delle loro vicende rappresenta uno dei finali più iconici della storia del cinema. Il celebre volo nel Grand Canyon sulla loro Ford Thunderbird è un anelito di libertà ed emancipazione femminile.

Thelma: Senti, Louise, non torniamo indietro.
Louise: Che vuoi dire, Thelma?
Thelma: Non fermiamoci.
Louise: Non capisco!
Thelma: Coraggio.
Louise: Sei sicura?!
Thelma: Sì, vai!

"Thelma & Louise" 30 anni dopo, la serata-evento

«Quando 30 anni fa abbiamo girato “Thelma & Louise – ha dichiarato la Sarandonnon avevamo idea che quel tipo di impatto culturale sarebbe durato per anni. All’epoca era rivoluzionario avere in un film due donne senza essere nemiche e noi ci divertivamo sullo schermo. Credo che sia stata una delle svolte più grandi. Oggi ci sono tante attrici brillanti che fanno film in cui le donne non sono avversarie e hanno il potere di decidere il loro destino».

La serata-evento a Los Angeles per i 30 anni del film

Il 18 giugno si è tenuta al Teatro Greco all’interno del Griffith Park di Los Angeles una serata-evento per celebrare il trentennale della pellicola. Dopo aver partecipato a un incontro introduttivo, Susan Sarandon (74) e Geena Davis (65) hanno riguardato la pellicola, sedendo nella famosa decappottabile con cui hanno girato il film.

"Thelma & Louise" 30 anni dopo, la serata-evento

Le due hanno anche indossato una maglietta con su scritto: “Lei è la mia Thelma e io sono la sua Louise” e viceversa. I proventi dell’evento sono andati in beneficenza all’L.A. Regional Food Bank e al Geena Davis Institute on Gender in Media. Presente alla proiezione anche Callie Khouri, che nel 1992 ha vinto l’Oscar alla miglior sceneggiatura originale proprio per questo film. La pellicola è valsa anche una nomination alla Sarandon e alla Davis come migliori attrici protagoniste e al regista Ridley Scott. Geena Davis ha condiviso sul suo profilo Instagram gli scatti della serata.

Curiosità su “Thelma & Louise”

Nel film compare anche un giovanissimo (e ancora sconosciuto) Brad Pitt, nel ruolo di J.D., misterioso e avvenente autostoppista che seduce e deruba Geena. Nel ruolo delle protagoniste, in un primo momento, avrebbero dovuto esserci Michelle Pfeiffer e Jodie Foster, mentre per J.D. fu preso in considerazione George Clooney. Altra chicca. La scena del bacio tra Thelma e Louise non era presente in sceneggiatura, fu un’idea della Sarandon, subito approvata dal regista, che modificò il finale. All’inizio, infatti, era previsto che Thelma sopravvivesse a Louise. Dal 2016 il film è nel National Film Registry per il suo valore culturale e storico.

Articoli correlati

Weekend al cinema: i film in sala il 18 e 19 gennaio 2020

Anna Chiara Delle Donne

Weekend al cinema: i film in sala il 1 e 2 febbraio 2020

Tilda Swinton è la protagonista del cortometraggio “La Voz Humana” di Pedro Almodóvar

Lascia un commento