Wondernet Magazine
ARTE

In vendita Palazzo Sacchetti, uno dei set del film premio Oscar “La Grande bellezza”

In vendita Palazzo Sacchetti, uno dei set de "La Grande bellezza"
Il meraviglioso edificio tardo rinascimentale, uno dei più belli di Roma, è in vendita. La trattativa per entrare in possesso di questo pezzo di storia, tra le cui stanze sono state ambientate alcune scene del film di Paolo Sorrentino La Grande Bellezza, è ovviamente riservata.

Curiosando sul sito di Sotheby’s International Realty, la società che gestisce la compravendita di immobili di lusso e che propone nel suo catalogo Palazzo Sacchetti,  si può fare un tour virtuale all’interno delle sue stanze, immaginando di essere sul set del film di Sorrentino.

Palazzo Sacchetti

Palazzo Sacchetti è un edificio tardo rinascimentale che sorge nel cuore di Roma nel Rione Ponte, al n. 66 di Via Giulia. Fu costruito a partire dal 1542 su progetto del Sangallo, lo stesso architetto di Palazzo Farnese e coadiutore di Raffaello nella costruzione della basilica di San Pietro. Il Sangallo costruì Palazzo Sacchetti per sé stesso, dedicandogli gli ultimi anni della sua vita per farne il “palazzo perfetto”. Nei secoli, Palazzo Sacchetti ha cambiato più volte proprietà.

In vendita Palazzo Sacchetti, uno dei set de "La Grande bellezza"
La facciata esterna di Palazzo Sacchetti – Photo Credits: Sotheby’s International Realty

Nel 1608 fu acquistato dall’Arcivescovo di Napoli, che vi fece costruire la cappella affrescata da Agostino Ciampelli. Nel 1649 fu acquistato dal Cardinale Giulio Sacchetti, dal quale prende il nome.  La famiglia Sacchetti è rimasta in possesso del palazzo dal 1750 circa sino al 2015: in quell’anno, parte del palazzo corrispondente all’intero piano nobile pervenuto in eredità a Giovanna Zanuso coniuge del defunto Giulio Sacchetti, è stata venduta al banchiere Robert De Balkany. Dopo la morte di quest’ultimo il palazzo è stato messo in vendita da Sotheby’s.

Oltre duemila metri quadri, con affreschi e decorazioni

Il piano nobile di Palazzo Sacchetti si estende su una superficie di 2025 mq, con un terrazzo di 275 mq più quattro balconcini. Nel cortile interno c’è un  giardino di quasi 700 mq, con annesso un ninfeo.

In vendita Palazzo Sacchetti, uno dei set de "La Grande bellezza"
Veduta del giardino e del ninfeo di Palazzo Sacchetti – Photo Credits: Sotheby’s International Realty

Questa parte nobile comprende 12 meravigliosi saloni, con le loro statue in marmo, i soffitti decorati, le vetrate colorate, tutti affrescati secondo alcuni dei cicli più significativi del manierismo. Girare per i saloni di palazzo Sacchetti è come camminare in un museo. C’è naturalmente la zona di servizio, con le  cucine e la dispensa, che comprende sei stanze più un bagno. 

In vendita Palazzo Sacchetti, uno dei set de "La Grande bellezza"
Una delle sale di Palazzo Sacchetti – Photo Credits: Sotheby’s International Realty

E ancora un’altra ala, che si sviluppa come un appartamento a sé, con 4 stanze, un bagno e un angolo cottura. Il lungo corridoio gira intorno e serve tutto il piano, permettendo l’accesso nei vari ambienti senza dover attraversare le sale nobili. Da questo si accede poi, grazie a delle comode porte a scomparsa, alle stanze di servizio, vari ambienti tra cui guardaroba, studi, bagni. C’è anche una cappella affrescata dal Ciampelli.

In vendita Palazzo Sacchetti, uno dei set de "La Grande bellezza"
Le statue di marmo e gli affreschi – Photo Credits: Sotheby’s International Realty

A completare la proprietà, varie unità separate ma tutte confinanti: una palazzina di tre piani con ingresso indipendente di 650 mq, un altro appartamento confinante di 130 mq, con ingresso in Via Giulia, un locale di 240 mq e ancora un ufficio di tre piani.

Al suo interno sono state girate alcune scene de “La grande bellezza”

Come abbiamo già detto, la trattativa è riservata e non si riesce neppure a calcolare il valore di un capolavoro rinascimentale come Palazzo Sacchetti. Un pezzo di storia, che rimarrà per sempre anche nella storia del cinema grazie a Sorrentino e all’Oscar come miglior film straniero nel 2014. Palazzo Sacchetti non è la casa di Jep Gambardella: quella con la terrazza dove si dondola adagiato su un amaca si trova vicino al Colosseo. Gli interni sono invece l’abitazione di Andrea, interpretato da Luca Marinelli, un ragazzo con gravi problemi di depressione che si toglie la vita schiantandosi volontariamente con l’auto, uno tra gli eventi che avrà un ruolo nel cambiamento di Jep.

Articoli correlati

Roma: al via il Virtual Tour della Mostra di Leonardo da Vinci

Anna Chiara Delle Donne

Museum Week 2020: la settimana dedicata ai musei si sposta sui social

Giusy Dente

A Milano lo scontro tra Lukaku e Ibrahimović diventa un murale: un messaggio di pace in vista del derby

Redazione

Lascia un commento