Wondernet Magazine
Cinema

L’omaggio della Mostra del Cinema di Venezia al Leone d’Oro Ennio Morricone

A Venezia 77 omaggio al maestro Morricone
La Cerimonia d’inaugurazione della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si aprirà con un omaggio al Maestro Ennio Morricone, recentemente scomparso.

L’orchestra eseguirà il tema di C’era una volta in America

La Roma Sinfonietta, diretta dal figlio di Ennio Morricone, il Maestro Andrea Morricone,  e composta da 3 primi violini, 3 secondi violini, 1 viola, 1 violoncello e 1 contrabbasso, eseguirà sul palco della Sala Grande del Palazzo del Cinema, Il tema di Deborah. Il brano è stato composto per la colonna sonora del film C’era una volta in America (1984) di Sergio Leone.

La cerimonia d’apertura sarà trasmessa in diretta mercoledì 2 settembre su Rai Movie a partire dalle ore 19.00. Vedrà la presenza del figlio del Maestro Ennio Morricone, Marco, e dei famigliari.

La Biennale intende in questo modo rendere omaggio al genio universalmente riconosciuto di Ennio Morricone, già Leone d’Oro alla carriera nel 1995. Il Maestro è stato un musicista e compositore cinematografico tra i più influenti e prolifici della seconda metà del Novecento.

Il film di apertura e la giuria di Venezia 77

Durante la cerimonia sarà proiettato il film di apertura fuori concorso, Lacci, diretto da Daniele Luchetti e interpretato da Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante, Silvio Orlando, Giovanna Mezzogiorno, Adriano Giannini, Linda Caridi.

La giuria di Venezia 77 sarà presieduta da Cate Blanchett, e composta da Matt Dillon, Veronika Franz, Joanna Hogg, Nicola Lagioia, Christian Petzold e Ludivine Sagnier.

Articoli correlati

È ufficiale: la 65ᵃ edizione dei Premi David di Donatello si svolgerà il prossimo 8 maggio

Redazione

Tour sul set di “Diabolik”: visita i luoghi del film che ha come protagonisti Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastrandrea

Anna Chiara Delle Donne

Film di Natale: 6 titoli cult da guardare in famiglia o con gli amici durante le Feste

Michelle Scalzo

Lascia un commento