Wondernet Magazine
Wonderchef

Dal mare alla tavola: tre ricette fresche, leggere e veloci per l’estate

Con l’arrivo del caldo e della bella stagione, in tavola arrivano piatti freschi, leggeri e veloci da preparare, ideali per chi è a dieta, per chi ha poco tempo a disposizione o semplicemente per chi desidera variare l’alimentazione e gustare gli ottimi prodotti che il mare ci offre. 
Chef Roberto Serra

 

Dal mare alla tavola. Nieddittas, il brand che gestisce l’intera filiera della mitilicoltura nel Golfo di Oristano, suggerisce tre ricette semplici e veloci per l’estate (light, tradizionale e ideale per il pranzo in spiaggia), abbinando in modo versatile alcune delle specialità che produce: cozze, arselle, ostriche e bottarga. Quattro ingredienti molto apprezzati da chi ama la cucina di mare e che si prestano a realizzare sia ricette molto semplici sia ricette più complesse.

I piatti suggeriti da Nieddittas possono essere assaporati in tutta sicurezza perché le materie prime provengono dalla filiera di eccellenza dell’azienda nel Golfo di Oristano. Una filiera controllata che rispetta il mare e il territorio e che garantisce un prodotto sempre sano e sicuro, controllato con attenzione in ogni fase della lavorazione, dal mare alla tavola.

1) Light: “Ostrica e limone, bottarga e sedano” proposta dallo chef Roberto Serra

Le ostriche sono certamente uno dei frutti di mare più conosciuti e apprezzati. Sinonimo da sempre di raffinatezza, le ostriche sono considerate imperdibili da chi ama i sapori del mare e, in particolare, da chi ama il gusto dei frutti di mare crudi. Per apprezzarne appieno il gusto delicato, gradevole e salmastro, è infatti uso comune consumarle crude, eventualmente con un goccio di limone e accompagnate dai migliori vini bianchi. La bottarga è uno dei cibi più tipici della tradizione sarda, accostata al caviale da molti gourmet.

dal mare alla tavola

Ingredienti per 4 persone
  • 4 ostriche Nieddittas
  • 1/2 baffa di bottarga Nieddittas
  • 1 mazzo di sedano
  • 500 g di acqua
  • 200 g di zucchero
  • 40 g di melissa in foglie fresche
  • olio extra vergine di oliva
Preparazione
  • Aprire le ostriche con il coltello apposito, condire con un’emulsione di olio e limone e tenere da parte.
  • Tagliare a fette sottili il cuore del sedano, la parte più tenera, e condire con olio extra vergine di oliva e qualche goccia di limone, tagliare la bottarga a lamelle.
  • Creare uno sciroppo con l’acqua e lo zucchero e mettere in infuso la melissa, abbattere a -18°C e grattare con una forchetta.
  • Adagiare l’ostrica nel piatto di portata, il sedano con sopra la bottarga a lamelle e servire la granita in un bicchierino di vetro decorando con la foglia di melissa.

2) Tradizionale: Fregola con cozze e arselle

Questa ricetta fa parte della tradizione sarda. Il profumo e il gusto intenso dei frutti di mare si abbinano molto bene alla fregola sarda, una pasta di semola di grano duro e acqua a forma di piccole palline. Lavorata a mano, la fregola sarda ricorda il cous cous, la sua consistenza è infatti grossolana e il suo sapore unico, dovuto alla tostatura ed essiccazione.

dal mare alla tavola

Ingredienti per 4 persone
  • 240 g di fregola artigianale
  • 300 g di cozze Nieddittas
  • 300 g di arselle miste (veraci e cuore)
  • 100 g di pomodori maturi tagliati a cubetti
  • mezzo spicchio d’aglio
  • qualche foglia di prezzemolo
  • basilico
  • mezzo peperoncino fresco
  • 3 cucchiai di olio extra vergine
Preparazione
  • Cuocere la fregola in abbondante acqua salata per quattro minuti, scolarla e tenerla da parte.
  • In una casseruola far aprire le cozze e le arselle con due cucchiai di olio extra vergine, un rametto di prezzemolo e poco aglio.
  • Una volta aperte scolarle, recuperare l’acqua di cottura, filtrarla e rimetterci dentro le cozze e le vongole che avremo sgusciato.
  • In una casseruola fare un soffritto con prezzemolo tritato, poco aglio e un pezzetto di peperoncino, aggiungere i pomodori, qualche foglia di basilico e far cuocere per qualche minuto.
  • A questo punto aggiungere alla salsa un bicchiere d’acqua e due mestolini di acqua di cottura delle cozze e arselle, far prendere bollore e aggiungere la fregola, continuare la cottura per due minuti, togliere dal fuoco e aggiungere cozze e arselle, due cucchiai di olio extra vergine e qualche foglia di basilico, aggiustare di gusto e servire.
  • Dovrà risultare bella brodosa come da tradizione.

3) Fuori casa: Barattolini di cous cous con cozze e pomodorini

Per un pranzo leggero e sfizioso in spiaggia, un piatto gustoso con un pizzico di mare, semplice da preparare per un pranzo d’estate o per un aperitivo in compagnia.

dal mare alla tavola

Ingredienti per 4 persone
  • 300 g di cous cous
  • 1 confezione di cozze Nieddittas
  • 300 g di pomodorini
  • 2 spicchi di aglio
  • prezzemolo
  • olio extravergine di oliva
  • 500 ml di acqua per il brodo
  • sale
  • pepe
Preparazione
  • Lavare le cozze, rimuovere il bisso o filamento che fuoriesce dalle valve e sciacquarle. Rosolare in una padella l’aglio con l’olio extravergine di oliva.
  • Aggiungere le cozze e coprire, facendole cuocere per qualche minuto, fino a che non saranno aperte. Intanto preparare un brodo leggero: tagliare lo scalogno.
  • Fare soffriggere lo scalogno con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, aggiungere mezzo litro di acqua e portare a bollore.
  • Tostare il cous cous in una padella, salarlo leggermente, aggiungere il brodo e lasciarlo riposare un po’ perché si gonfi assorbendo il liquido.
  • Rosolare intanto i pomodorini con un cucchiaio di olio extravergine di oliva e un pizzico di sale e dopo qualche minuto aggiungere le cozze per farle insaporire. Tritare il prezzemolo fresco.
  • Condire infine il cous cous con pomodorini e cozze, distribuirlo nei barattolini e servire con una spolverata di pepe e il prezzemolo tritato.

Articoli correlati

Il Lingotto del Mergozzo, un secondo piatto per la Vigilia di Natale dello Chef Marco Sacco, due stelle Michelin 

Laura Saltari

Tagliolini carciofi e gamberi: un primo piatto leggero e veloce da preparare, dal gusto equilibrato e dall’aspetto elegante

Laura Saltari

A San Valentino la seduzione è (anche) questione di menù: ecco come scegliere le bollicine giuste

Redazione

Lascia un commento