Wondernet Magazine
MODA

JW Anderson: ieri a Parigi la sfilata della collezione uomo AI 2020/21 e una raccolta fondi a sostegno di VisualAIDS

JW Anderson ha presentato ieri la sua collezione uomo AI 2020 a Parigi – nel 4° arrondissement – presso Lafayette Anticipations. Dopo la sfilata, una raccolta fondi in favore di VisualAIDS

La location scelta da JW Anderson per la sfilata della collezione uomo AI 2020 tradizionalmente ospita mostre di arte contemporanea, ed è stata valorizzata da un set up creato ad hoc per lo show. Una fila di sedute in bianco e nero alternate, sulle quale sono stati posizionati dei manichini. Ogni manichino indossava delle maschere/ritratto del poeta francese Arthur Rimbaud, delle riproduzioni di una serie di scatti firmati da David Wojnarowicz ed intitolati Arthur Rimbaud a New York. In questa celebre serie l’artista, fotografo, scrittore ed attivista per i diritti delle persone affette da AIDS, aveva ritratto una serie di persone che indossavano questa maschera in diverse località di NY.

La raccolta fondi in favore di VisualAIDS

Ciascun manichino indossava, inoltre, anche dei maglioni in feltro neri, bianchi o rossi che riproducevano l’immagine di un altro lavoro di David Wojnarowicz Untitled (Burning House) andato in vendita immediatamente dopo la sfilata per supportare VisualAIDS. Si tratta di un’organizzazione di arte contemporanea, fondata nel 1988 con lo scopo di sostenere gli artisti HIV + e di non abbassare mai la guardia promuovendo la prevenzione.

JW Anderson, con lo show AI 20 ha deciso di collaborare con entusiasmo con P·P·O·W e con Estate of David Wojnarowicz per promuovere la raccolta di fondi in favore di Visual AIDS.

Nel backstage al termine della sfilata Jonathan Anderson, Founder&Creative Director di JW Anderson, ha detto a proposito di David Wojnarowicz, “I suoi lavori mi hanno sempre influenzato profondamente. Poteva essere molto dark ma manteneva sempre un certo ottimismo. Faceva critica politica ma mai fine a se stessa. La politica, semplicemente, ispirava la sua creatività.”

Alcune immagini della sfilata

Il brand per il suo Autunno Inverno 2020/2021 ha presentato un totale di 35 look. Tra questi, cappotti in lana double face decorati da pesanti catene d’oro, un chiaro rimando alle passate stagioni firmate JW Anderson. Sciarpe e coat imbottiti ed oversize, stampati con caleidoscopici motivi cachemire che esaltano le diagonali. L’uso dello sbieco e dei pannelli sono i temi ricorrenti che riportano ai codici di JW Anderson. Come sottolinea Jonathan Anderson stesso infatti: “Non bisogna avere mai paura di ribadire, esaltandolo, il DNA del marchio.

I famosi loafer, veri e propri must have del brand, sono decorati con maxi catene dorate e feltro color carbone. Sempre in feltro, le Belt tote bag con il logo ricamato di JW Anderson che richiama la tradizionale ancora e le borse Burning House. In passerella anche le mini Cap bag in nuove misure e varianti di colori. 

Articoli correlati

È il Classic Blue, una tonalità di azzurro tra l’indaco e l’oceano, il colore Pantone del 2020

Michelle Scalzo

#Valentinoempathy: la Maison recluta le star per la campagna AI 2020-21 a favore dell’Ospedale Spallanzani

Redazione

#iorestoacasa, ma non in pantofole: le slippers gioiello Le Gabrielle

Redazione

Lascia un commento